top of page

STATEMENT

Ho visto nel divenire di un punto un racconto in codice Morse.

 

Cucio e incido messaggi che si proiettano in un cortocircuito di interconnessioni spazio-temporali

verso la ricerca e una comprensione del passato, del presente e dell’Oltre.

Per me, la tela bianca non esiste.

Nel chiedermi dove sono ora, cosa mi ha portata qui e dove andrò,

mi sono ritrovata a interpretare le mappe più disparate:

ho seguito le linee veloci dei gesti,

le tracce lasciate dalle scarpe sui tappeti,

ho sezionato i vestiti che aderivano alla geografia del mio corpo,

sono entrata nelle mappe del mio cervello fino a proiettarmi

sopra,

             avanti,

 

                             altrove

 

e al di fuori

 

ritrovandomi in due posti contemporaneamente...

e,    chissà,  dove, e       cosa  e              quando ancora

 

 

Essere nello spazio e nel tempo infinito

 

                                                 

                                                                        Diana Pintaldi

bottom of page